G.K.S.I.F. - Settore IAIDO - G.K.S.I.F. - Gakko Karate-do Shotokan Italia Federation

Vai ai contenuti

Menu principale:

G.K.S.I.F. - Settore IAIDO

Il M° Dino SCHIAVONE

IAIDO [居合道]:

I (i[])= Essere presenti, esistere, rimanere


AI (a[])= Unire


DO []= Via

Lo IAIDO è l'arte dell'estrazione della spada e si pratica attraverso l'esecuzione di Kata (forme codificate di combattimento) che si eseguono da soli o, per meglio dire, con un avversario immaginario che possiamo facilmente identificare con "noi stessi".

Si può affermare, senza timore di essere smentiti, che questa disciplina è la più antica delle arti marziali giapponesi ed ha influenzato l'evoluzione di tutte le altre discipline di questo tipo oggi conosciute. In effetti, le prime scuole di IAIDO di cui è rimasta traccia risalgono al VII secolo d.C. durante l'era Nara, anche se il periodo di massimo sviluppo di tale disciplina si ebbe intorno al 1500 - 1600.
Alcune di queste scuole antiche si sono trasmesse fino ai giorni nostri ed è quindi ancora oggi possibile praticarle. L'esecuzione delle tecniche prevede la ricerca di una perfetta coordinazione di mente, corpo e respiro e porta, di conseguenza, alla costruzione di un solido equilibrio psicofisico. Tutto questo richiede ovviamente molta pratica, molta pazienza e perseveranza.

È un'arte austera ma affascinante, bisogna rendere completamente naturale l'uso della spada e manifestare pienamente, attraverso questo strumento, il proprio corpo. Lo IAIDO è inoltre un ottimo complemento per chi pratica qualunque altra arte marziale giapponese in quanto vi si possono ritrovare i principi fondamentali delle altre discipline esaltati dal supporto della spada.

Ma lo IAIDO non è solo questo; letteralmente significa "via dell'unione dell'essere" (o degli esseri). Scopo ultimo di questa disciplina è la perfetta ed armonica unione con se stessi e di conseguenza con l'Universo. I Maestri di questa antica disciplina dicono che bisogna imparare a "tagliare il proprio nemico interiore".

M° Junji Endo

Il Maestro
Il M° Dino Schiavone
è stato uno dei pochi fortunati nel poter seguire per lunghi anni l'insegnamento del M° Junji Endo, che gli ha trasmesso l'amore per questa affascinante e difficile Arte.

L'equipaggiamento
La pratica dello IAIDO
richiede un equipaggiamento composto da uno IAI-GI (casacca) e da una HAKAMA (gonna-pantalone) generalmente di colore bianco o nero; vengono anche usate tenute da Kendo, Aikido, Judo, Karate e, nel primo periodo di pratica sportiva, anche semplici tute sportive.
Inizialmente si utilizza un Bokken
(spada di legno) e, successivamente, lo Iaito (spada con lama non tagliente) o, per i più esperti, una vera Katana (Shinken).

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu